Il Mercato Immobiliare alla vigilia del Business Strategy 2013

Il Gruppo Tree Real Estate, a cui fanno capo Gabetti Franchising Agency, Grimaldi Immobiliare e Professionecasa, si riposiziona sul mercato immobiliare presentando al Business Strategy 2013 le sue nuove strategie di servizi web oriented. Un evento in tre edizioni – 30 Gennaio, Milano; 31 Gennaio, Roma; 1 Febbraio, Napoli – dedicato esclusivamente ad agenti, collaboratori e agenzie immobiliari in area TreeRe. Una nuova visione che parte da lontano.

Business Strategy 2013 rappresenta un percorso evolutivo, un cambio di visione, fortemente voluto dal Cav. Bruno Vettore Amministratore Delegato unico di Gabetti, Grimaldi e Professionecasa, perché il mercato immobiliare è profondamente cambiato.

Dal crollo del 2008 ad oggi, un mercato in continua discesa ha portato a galla le debolezze dell’italico Real Estate. Le crisi dei bienni 2009/2010 e 211/2012 hanno spazzato via oltre il 40% del mercato, portando alla luce tutte le staticità di un sistema che non guardava più al singolo momento, adeguandosi ad esso o – perfino – anticipandolo, ma che – con il senno di poi – si bastava nella certezza di gestire un bene rifugio con strumenti e strategie consolidate che avevano superato importanti prove sul campo, come quella del crollo delle compravendite alla fine degli anni ’80 del secolo scorso.

Le criticità emerse dal 2008 ad oggi, possono essere riassunte nei punti seguenti:

  • Il sistema delle compravendite immobiliari si regge soprattutto su un driver economico, quello dei mutui. Le difficoltà di accesso al credito costringono i potenziali acquirenti a cercare vie alternative, un sottobosco di professionisti che si propone come alternativa alle agenzie immobiliari. Un’alternativa ben nota agli operatori di settore ed etichettata “fai da te”.
  • Le minori erogazioni di mutui, congiuntamente al difficile momento sociale, genera un indotto in cui l’offerta supera di gran lunga la domanda, causando di contro una contrazione dei prezzi di mercato. Così accade che il proprietario d’immobile considera troppo bassa la valutazione dell’agenzia mentre il potenziale acquirente – chi può garantire liquidità immediata – vorrebbe comprare ad un prezzo inferiore.
  • L’assenza di punti di riferimento informativi permette la proliferazione di notizie che, per quanto sviluppate in modo coerente e trasparente, mancano di criticità nell’assenza di controparti utili a creare filtro coerente. Così per un quotidiano le permute sono il salvagente, per un altro la crisi colpisce il franchising ma non le agenzie immobiliari in generale, per un altro ancora è colpa dell’IMU, delle certificazioni energetiche e via notiziando.
  • Le agenzie immobiliari si trovano con un portfolio clienti che perde periodicamente di valore e che, malgrado tutto, si trovano ancora costrette a difendere a denti stretti. Semplicemente, non conoscono modelli di business differenti da quello che non riesce più a servire il mercato. D’altra parte i clienti iniziano a lasciare la nave in bonaccia, preferendo la liquidità immediata, seppure in sotto stima, dell’indotto fai da te.

Queste sono solo alcune delle riflessioni che hanno accompagnato la storia recente dell’immobiliare e del Gruppo Tree Real Estate. Il Gruppo rappresenta la più importante holding nazionale nel mercato del franchising immobiliare, forte di un proprio osservatorio, dell’esperienza di migliaia di operatori di settore impegnati quotidianamente sul territorio. TreeRe nel corso di questi 5 anni ha subito, come tutti, il cambio di rotta del mercato ma allo stesso tempo si è attivato per mantenersi flessibile, reattivo, agli scenari che le proiezioni indicavano come più probabili. La strada è stata lunga, in alcuni casi affatto semplice. Il punto d’arrivo sempre chiaro: il nuovo posizionamento di mercato che sarà presentato al Business Strategy 2013.

Manifesto Business Strategy 2013

Per informazioni e contatti:

dott.sa Angela Patuelli; dott. Pietro Pellizzari
mail direzione [at] treere.it
Tel. +39.02.7755260