Università, dalla Bocconi alla Bicocca copiare resta un’arte: tutti i software degli atenei per stanare i furbetti

C’è stato un momento, nemmeno troppo lontano, in cui l’opinione pubblica e i media si scagliavano contro alcune università, collegando indissolubilmente il fenomeno della copiatura studentesca alla scarsa qualità e serietà degli stessi atenei. Copiare, purtroppo, sembra un’attitudine propria dello studente, indipendentemente dall’università che frequenti, appare un po’ come il mezzo di cui servirsi per sopravvivere alle dure leggi accademiche e nessuno, ripeto nessuno, può giurare di non averci mai provato o di non esserci mai riuscito, per quanto docenti e commissioni di vigilanza abbiano tentato di arginare questo fenomeno vecchio almeno quanto è vecchia la stessa università. La piaga, se così vogliamo definirla, della copiatura affligge il mondo universitario trasversalmente, tant’è che ognuno ha deciso di intervenire a modo suo, il più delle volte attraverso l’utilizzo della tecnologia.

Contro gli scaltri dello scopiazzamento sono stati elaborati software antiplagio e dopo la Bocconi e la Bicocca l’ultima in ordine cronologico è stata la Liuc di Castellanza, che dal 1° gennaio introdurrà il controllo obbligatorio per tutti i “paper” e le tesi di laurea con il programma Turnitin.

I motivi per cui si copia sono i più svariati: si va dalla scarsa percezione del concetto di plagio in sé, all’incapacità di produrre un testo originale. Che si chiami Turnitin o Compilatio (il software utilizzato nel dipartimento di Economia alla Bicocca) il sistema non può essere sempre impeccabile tant’è che i più sgamati di tutti, ovvero quelli che rubacchiano testi altrui traducendoli da lingue straniere, ancora non possono essere beccati. Anche se i programmatori stanno lavorando proprio per intervenire anche su questo aspetto.

L’Università Niccolò Cusano, ad esempio, ha pensato di utilizzare il software APE (Archivio Prove d’Esame) per arginare il fenomeno della copiatura. Ogni docente inserisce un numero di domande relativo al contenuto del suo esame e il sistema operativo è in grado di produrre un numero elevatissimo di prove diverse che verranno poi corrette attraverso un modulo a lettura ottica. Utilizzato prevalentemente per le prove scritte, il software APE argina in maniera determinante il fenomeno della copiatura in quanto 50 studenti diversi accomunati dallo stesso esame da sostenere avranno 50 prove differenti, limitando considerevolmente anche quella sorta di collaborazione ‘illecita’ che viene comunque monitorata dalla commissione di vigilanza.

ufficiostampa@unicusano.it

UniCusano

L'UniCusano è una Università telematica che offre corsi di Laurea in Giurisprudenza, Economia, Scienze Politiche e Scienze della Formazione. Completa l'offerta formativa i Master di I livello, i Corsi di Perfezionamento e la Scuola di formazione aziendale. L'università dispone di un Campus di 16.000 mq con aule studio, aule corsi, palestre, spazi interni ed esterni. L'università Niccolò Cusano è anche Camera di Conciliazione. 

Tags: